skip to Main Content
Emetofobia: “Come Ho Sconfitto La Paura Di Vomitare”

Emetofobia: “Come ho sconfitto la paura di vomitare”

È sorprendente scoprire quanto sia comune e diffusa la fobia legata all’atto del vomitare. Per Katie Grant, però, diventò così preoccupante da indurre in lei una sorta di ossessione nei confronti del cibo che la portò sull’orlo del baratro. La testimonianza che segue racconta della sua esperienza di come ha vinto la sua battaglia.

Katie Grant è una giovane brillante e piena dalle grandi ambizioni per il suo futuro quando si ritrova a scontrarsi con l’emetofobia.

Se mi chiedessi cosa ho mangiato oggi non avrei alcun dubbio nel rispondere con un deciso niente. No, non sono a dieta, ma credo che sarebbe piuttosto onesto ammettere che mi sto riducendo alla fame.

Lautoimposizione che spinge un soggetto al rifiuto del cibo è spesso associata ai sintomi dellanoressia nervosa; ma non mi è mai stata diagnosticata alcuna forma di anoressia e non sono assolutamente preoccupata riguardo al mio peso che, in realtà, non è poi così distante da quello di un individuo in salute per la mia costituzione. Ma sono ossessionata dal cibo o, piuttosto, dai suoi potenziali effetti dannosi. Sono emetofobica e la paura di vomitare mi assale fino ad immobilizzarmi. La fobia nei confronti del mangiare ha capitalizzato i miei pensieri e la mia vita per quasi un decennio.

Emetofobia: cos’è

Si stima che siano milioni gli individui nel mondo affetti da emetofobia, tuttavia rimane una condizione poco studiata e dalla sintomatologia trascurata: il vomito, in effetti, non rientra in una delle aree scientifiche di ricerca così affascinanti.

Il Dr. David Veale, consulente psichiatrico che si occupa di terapia cognitivo-comportamentale in un centro a sud di Londra, all’NHS (Servizio Sanitario Nazionale) ed è primario nell’ospedale a nord di Londra, rappresenta uno dei pochi esperti di emetofobia del Regno Unito. “Talvolta mi capita di chiedere ai pazienti quale opzione sceglierebbero tra il vomito all’istante o l’assunzione di alcune pillole che sarebbero in grado di portare alla morte senza dolore e non sono rari i casi in cui mi sento rispondere che preferirebbero morire piuttosto che vomitare. Questo rende perfettamente l’idea di quanto terribile possa essere la percezione del vomito da parte di coloro che soffrono di emetofobia”, afferma il Dr. Veale says.

Per le donne, inoltre, la paura di vomitare può indurre a stati psicofisici di debilitazione totale tanto gravi da sfociare nell’infertilità, dal rimuovere completamente dai loro pensieri i figli o il loro dovere come madri di accudirli quando sono malati a causa dell’ansia e dell’implicito malessere che accompagna ogni singolo risveglio.

Tra molti emetofobici, uno dei fantasmi più terrificanti consiste nella paura di vomitare in pubblico – molti, in effetti, confessano il profondo timore di perdere il controllo e lo spavento all’idea che gli altri possano trovarli rivoltanti. Coloro che soffrono di questo particolare disturbo sono anche intimoriti di assistere qualcuno mentre vomita in quanto la sola visione potrebbe rivelarsi pericolosa per la possibilità di indurre anche loro al vomito. In parecchi interpretano la sensazione di nausea come segnale precursore di vomito, infermità e morte. Ad un pensiero più lucido l’associazione apparirebbe del tutto irrazionale e gratuita, ma, in fondo, sta proprio nella natura delle fobie lessere irrazionali.

È importante tener presente che l’emetofobia si distingue da tutte le altre forme di fobia in quanto il fattore da cui si è principalmente terrificati è il proprio organismo. Non cè scampo: si ha paura di se stessi.

Come la gran parte delle fobie, la paura di vomitare può scaturire da traumi infantili, in particolare legati alle esperienze in cui era coinvolto in qualche modo il vomito e che l’inconscio del proprio Sé bambino ha archiviato ed elaborato convertendole in segnali d’allarme associati alle sensazioni ed emozioni negative tipiche delle situazioni di malattia, spiega Amber Ford dell’Anxiety UK che si occupa di persone affette da disturbi ansiogeni. Afferma l’esperta:“Con la crescita, la risposta emotiva a questi traumi non viene superata dalla parte razionale e cosciente del bambino, ma da quella in cui giace il subconscio. La difficoltà di accesso a quest’area occulta si traduce nella persistenza delle reazioni negative le cui origini rimangono sepolte”.

Emetofobia: un’esperienza

Potrei contare sulle dita di una mano le volte in cui ho vomitato tra i 4 e i 21 anni. Ogni volta che unamica ha confessato di aver trascorso la notte in ginocchio di fronte all’”altare di porcellanami sembrava di ascoltare una testimonianza completamente estranea, come del tutto aliena al mio ambito esperienziale.

Fino ad una mattina del 2007, quando dopo una serata passata a fare la spola tra un drink e laltro o per via di una cena pesante, mi sono risvegliata abbracciata intimamente con il mio amico bianco. Fu quello listante in cui decisi che vomitare non era poi così terribile.

Una settimana dopo, le ondate di nausea ripresero ad assalirmi, ma stavolta sembravano volermi punire aggredendomi con forza perfino maggiore ed ostinata crudeltà. La mia temperatura corporea oscillava costantemente e per completare il piano di guerra, giunse anche la tachicardia. Così entrai in quel vortice, come intrappolata, cercando spasmodicamente di respirare; ero certa di essere sul punto di morire.

Non vomitai più quella notte, ma capii solo in un secondo momento che lepisodio di cui ero stata protagonista per la prima volta era un attacco di panico.ne seguirono molti altri, con annessi cedimenti ed esaurimenti. Mi sentivo sfibrata. È incredibile come la vita possa sfuggire di mano in un battito di ciglia. Non riuscii a portare a termine i miei esami per completare il terzo anno di università –il mio pacchetto tutto inclusodi pianti, fremiti, sconvolgimenti e tempi immemori passati in posizione fetale non ammetteva alcuna attività addizionale, tanto meno lo studio o sessioni di esami.

Nonostante ciò, sono riuscita in qualche modo ad appassionarmi ad una nuova passione: lavarmi le mani. La quotidianità di una persona che vive in preda allemetofobia è incistata da timori collaterali ad essa direttamente correlati, come quello dei microbi e dei germi che portano allossessione compulsiva nella pulizia. Cominciai con lo strofinare vigorosamente le mani ogni qualvolta mi si presentasse loccasione mentre sentivo un bruciore allimmergerle nellacqua bollente, ma il male era solo un piccolo prezzo da pagare per raggiungere il mio obiettivo, un altro passo che mi avrebbe reso vincitrice nella mia nuova e dichiarata Guerra ai Germi.

In passato degli oggetti innocui in apparenza avevano cominciato ad accumularsi in un catalogo senza fine di situazioni ad alto rischio, codice rosso. Quando la paura dei germi diventa così forte da impedirti di toccare senza terrorizzarti la maniglia di una porta (vero e proprio incubatore di batteri), può essere il punto di non ritorno; non riuscivo più a dormire sonni sereni. Il mio organismo era sempre in stato di eccitazione e le scosse di adrenalina si traducevano in un senso di nausea costante.

Non suonerà sorprendente, dunque, il fatto che smisi di magiare. Ciò che non butti giù non può tornare a galla, penavo. Dimagrii parecchio, rapidamente, ma non me ne resi conto fino a che i jeans non cominciai a perdere i pantaloni per strada. Un regime alimentare altamente restrittivo è una costante tra i soggetti affetti da emetofobia. Una sofferenza che a causa del legame con la perdita di peso, può essere spesso fraintesa a livello diagnostico con lanoressia.

Emetofobia: psicoterapia cognitivo comportamentale

L’assalto implacabile di pensieri ossessivi ed annessi rituali compulsivi che connota l’esistenza delle persone che convivono con lemetofobia sfocia nella paura di ammalarsi e spesso l’emetofobia viene scambiata per disturbo ossessivo compulsivo dai professionisti (psicologi, medici, ecc.). Tuttavia esistono una fondamentali distinzioni tra le due problematiche

Imparare ad abbandonare le manie di controllo è la chiave daccesso alla libertà e la via duscita dallemetofobia, secondo quanto sostiene il Dr. Veale. I benefici della terapia cognitivo-comportamentale (CBT) nel trattamento di fobie vanta una nutrita letteratura. Tra i metodi applicativi annovera la prescrizione di rituali o “comportamenti salvifici” (“safety-seeking behaviours”) che possano accompagnare chi soffre verso l’accettazione di poter vomitare un giorno, preparandosi a farlo senza temere quando succederà.

Il Dr. Veale ci tiene a ribadire che non esistono cure miracolanti per l’emetofobia, tuttavia si mostra fermamente convinto rispetto alla possibilità di uscire dalle spire della paura di vomitare con il tempo, attraverso la psicoterapia.

La mia convalescenza si è estesa per un lungo periodo ed il processo di ricovero è stato lungo; ed ancora non posso dirlo concluso. In seguito al mio collasso, il dottore mi ha consigliato si rivolgermi ad un terapista privato che mi ha donato la speranza di poter riconquistare quella che potremmo definire una vita e col sostegno di due preziosi alleati, Dettol e Carex, ho iniziato ad intravvedere una luce nel cammino verso la mia resurrezione.

Ho ripreso i miei studi universitari e mi sono laureata. I miei voti forse non saranno stati brillanti o eccezionali, ma nemmeno così orribili. Erano discreti e mi rendevano tanto fiera di me. La mia malattia si era portata via una parte così importante del mio essere che ho creduto di esserne fagocitata un giorno, di poter sparire, ingoiata nel suo vortice. Ma ho rifiutato che ciò potesse succedere.

Ho iniziato poco a poco a stilare una lista di cibi sicuri che potessi concedermi, cominciando dallacqua in bottiglia e focaccia davena. Ora se ne sono aggiunti altri allelenco e non sembra affatto che abbia un problema col cibo a giudicare da come sto.

I miei giorni positivi superano di gran lunga quelli negativi adesso, ciò significa che inserisco almeno un pasto al giorno allinterno della mia quotidianità e li accompagno con qualche stuzzichino; ma ci sono i giorni negativi, come oggi, in cui passo. Continuo a frequentare le sessioni col terapista ed ho imparato un minimo a gestire la mia ansia.

E ci sono dei lati positivi in questa vicenda. Ho compreso che la mia esperienza mi ha reso una persona più gentile. Ho appreso cosa significhi la parola compassione, ed ho imparato ad accettare e sostenere istintivamente cloro che soffrono di disturbi psichici.

Oggi so quanto possa essere vulnerabile la mente umana; non importa quanto possiamo sentirci invincibili, la vita può sempre giocare brutti scherzi e prendere direzioni inaspettate. Sono anche consapevole che unintera esistenza possa essere riedificata con fondamenta perfino più robuste rispetto alla precedente. La mia malattia mi ha insegnato lempatia, lumiltà, il coraggio, la determinazione. Di recente ho iniziato a godere della possibilità che il futuro possa essere qualcosa di normale, o perfino buono.

Se mi doveste chiedere che cosa o mangiato oggi, probabilmente risponderei ancora niente, ma spero vivamente che presto questa mia risposta possa diventare sempre più sporadica.

Fonte: Independent

Articolo pubblicato da, Katie Grant, il 27 gennaio 2015, tradotto da Silvia Tramatzu e consultabile cliccando qui.

Antonio Fresco

Seguimi su facebook cliccando “Mi piace” alla pagina “Psicologia per la vita quotidiana”.

Se ti è piaciuto l’articolo, metti una recensione su Google.

Foto tratta da onlypurenature.com

This Post Has 2 Comments
  1. Salve,sono un 60enne,italiano.Interessantissimo l’argomento sopra trattato.Da decenni soffro di queste patologie,cercando di conviverci o meglio di sopravvivere il meglio possibile.A 30 anni ho fatto circa 10 anni di psicoterapia migliorando notevolmente forse perchè sono stati affrontati molti dei problemi:tanta ansia da mancarmi il respiro,rabbia e ossessioni di vario genere,che non mi lasciavano spazio a ragionare per quello che dovevo fare in quel momento o di momenti passati in cui avrei voluto decidere diversamente. Inoltre, un’altra cosa che ho tenuto presente in questo mio contesto,i fattori ereditari.C’è da dire che i miei genitori,dato ebrei,hanno dovuto affrontare i grossi problemi della guerra.Mio padre,rimasto orfano sin da tenera età,ha saputo reagire alle problematiche della vita con buon senso e dignità.Mia madre invece come una foglia al vento.Fragile.molto ossessiva,instabile,fobica,molto ansiosa e mai ferma nelle sue decisioni o nelle decisioni della famiglia.Non stò esagerando,mia madre era proprio cosi’.Dato religioso,non spetta a me dire:CHE PRIMA DI METTERE AL MONDO DEI FIGLI,BISOGNEREBBE FARE DEI TEST PSICO-FISICI PER VEDERE L’IDONEITA’ alla procreazione.Mi sono reso conto che, studiando su me stesso,che un figlio dopo pochi anni ,di vita,vive in un terreno minato.Questo è in breve quello che mi è successo a me.A 10-12anni,mi sono esplose le stesse tematiche sopra descritte di mia madre.Prima di questa età,le situazioni erano come nascoste.Inappetenza,nervoso,svogliato,insonnia e difficoltà a socializzare.Spesso dal medico e controlli,fortunatamente negative.La soluzione di quei tempi,ricostituenti in punture.Una situazione ripetitiva almeno due volte l’anno.Ne ho prese tante di iniezioni che il sentir parlare di iniezioni mi sente il fondo schiena.In questo contesto,c’è anche un’altro fattore importantissimo:mia madre mi ossessionava col mangiare continuamente perchè a lei piacevano i bimbi grassi ed io non l’ho ero affatto,anzi per tanti ero considerato quasi anoressico.A circa 15-16 anni,il medico ha ritenuto opportuno farmi ricoverare per controlli,fortunatamente negativi,perchè il mio peso era circa 36kg.Sino ad oggi non ho superato del tutto il problema dell’alimentazione,il cibo non mi amico.Mangio poche cose per stare sempre in salute,non mi lascio mai uno sfogo alimentare per evitare che mi crei una tensione per digerire.Un’altra sensazione che mi sono accorto da qualche mese è questa:se penso alla quantità di cibo che ho mangiato in tutta la mia vita è come se mi venisse la voglia di vomi………….Forse tale sensazione è da collegarsi a situazione che mi sono capitate e che non ho elaborate in maniera esauriente.Comunque negli anni sono riuscito a formarmi una famiglia con due figli maschi che ,tenendo presente le mie problematiche,ho cercato di evitarli un’po’ dei miei problemi.Forse vi domanderete che attività svolgo o che potrei svolgere nella vita?Sono stato per diversi operaio nel campo dell’arredamento.A circa 30anni,per problemi di disaccordi con la ditta,ho costruito insieme ad altre persone un capannone,dove svolgo i miei lavori di arredatore in legno di interni.Una ditta tutta mia,senza operai,dove sfogo tutta la mia creatività e soddisfazione nel creare qualcosa.E per concludere questa situazione,ho un’altra grande passione:il ballo latino.Tanti diranno che centra questo con l’argomento trattato?Posso garantire che il ballo E’ un toccasana per queste (Maledette) patologie,ti aiutano a staccare un’po’ la spina.Tutto questo è in breve tutta la mia vita:TUTTA LA VERITA’ E NIENTE ALTRO CHE LA VERITA’.Tutto si fa’ per raggiungere un ‘po’ di benessere e di tranquillità.Forse è questa la frase che mi ha spinto per cercare di tirare avanti,la forza e la speranza di riuscire a trovare sempre una soluzione perchè c’è sempre una via di uscita in tutte le situazioni.Quello che ho raccontato,spero che non sia stato di noia.Gradirei avere altri consigli .Grazie

    1. Buoansera, anche io soffro tantissimo di questa elettronica.
      Sono un ragazzo di 17 anni e questa fobia mi sta letteralmente distruggendo di ansia d preoccupazioni.
      La ringrazio in anticipo se mi risponderà.
      Buoaserata.
      Mattia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top